Camillo Bignotti
Camillo Bignotti

CAMILLO BIGNOTTI - scrittore

 

Ingegnere per professione e scrittore per passione.

Due facce di una medaglia apparentemente poco abbinabili, ma che in realtà, almeno dal mio personalissimo punto di vista, si conciliano alla perfezione.

 

Scrivo romanzi storici anzi, racconto storie vere.

Storie "minori", se così vogliamo chiamarle, di donne e uomini normali che con le loro idee e le loro gesta non necessariamente hanno lasciato un segno. O perlomeno non lo hanno lasciato nei libri di storia, ma se leggiamo bene tra le righe e non ci soffermiamo sul nome o il dialetto, sono vicende che hanno contraddistinto e accompagnato la crescita e lo sviluppo di tutti i piccoli paesi. Tali e quali...

 

...così come i personaggi. A volte riadattati ed aggiustati per esigenze narrative, ma sempre il più fedeli possibile all'immagine che se ne più dedurre dai documenti ufficiali. Documenti gelosamente custoditi nei vari archivi, soprattutto quelli parrocchiali, che contengono una notevole quantità di informazioni e dettagli che, con un po' di pazienza, delineano storie che vale davvero la pena di raccontare...

 

...e, spero, di leggere!

 

CHI SONO

Mi chiamo Camillo Bignotti e sono nato a Varese il 23 aprile del 1981. Trasferitomi a Bedero Valcuvia nel 1985, piccolo paese una ventina di chilometri più a nord, ho comunque continuato a frequentare le scuole in città, chiamiamola così, fino alla maturità classica.

 

Ho poi cambiato completamente strada laureandomi in Ingegneria Civile. Un cambio di rotta assolutamente programmato, sia chiaro: sempre voluto fare l’ingegnere! Fin da bambino.

 

Il Liceo Classico ti darà il metodo di studio!” mi avevano spiegato. Vero! …oltre a delle enormi difficoltà nell’affrontare Analisi I. Particolare che invece, chissà perché, nessuno mi aveva evidenziato!!

Pace! Tutto si supera, tranne, per fortuna, un altro piccolo strascico: la passione per i libri.

Passione che ho sempre coltivato, quella della lettura.

 

Affiancata da quella per la scrittura. Qualche poesia all’inizio, ma non faceva per me. Poi qualche racconto breve che non ho mai avuto il coraggio di far leggere a nessuno, fino allo stesura di una ricerca storica. Questa volta sì, pubblicata nel 2010.

 

Bella, interessante, sempre amato la storia… ma una noia!!

 

E allora la folgorazione: perché non provare a renderla più accattivante, più leggera?

 

Ed ecco il mio primo romanzo storico: “L’EROICO ROMANZO DI BEDERO VALCUVIA”. Beh, a raccontarla così sembra un lampo, in realtà ci sono voluti sei anni di gestazione, ma ha avuto un successo, almeno per le mie aspettative, fuori da ogni logica.

 

Un vero salto nel buio! Già, perché sopraffare la paura di essere giudicati dagli altri per quello che hai scritto, è stato per me un grande passo.

 

“Ma avevi già pubblicato nel 2010…” direte voi! Certo, ma avevo trascritto documenti e messo in ordine dati… nient’altro che una bella relazione in cui niente di me era in gioco. Stavolta era diverso: avevo scritto di sentimenti, di stati d’animo e di passioni. Avevo reinterpretato la storia partecipandovi attivamente e mettendoci dentro tutto me stesso…

 

…mi ero messo a nudo insomma, alla mercé del lettore!

 

Ma, devo ammetterlo, non è poi stato così male dato che, nel giro di neanche un anno, sulle ali dell’entusiasmo, sono riuscito a scriverne e pubblicarne un altro: “IL CANTO DEL GHIACCIO”.

 

Comunque “dietro un grande uomo, c’è sempre una grande donna!”. Beh, qui il grande uomo non c’è, ma una grande donna invece sì: Federica, mia moglie. Spesso e volentieri sommersa dalle mie carte e dai miei appunti e pressata per avere un parere. No, non dev’essere per niente facile sopportarmi. Ingegnere di giorno e apprendista scrittore nel tempo libero: l’incubo di ogni donna!

 

Beh, poi ci sono anche loro: Tobia, Trilly e Olivia. Un lupo, un chihuahua e un grosso gattaccio nero e bianco, ma questa è un’altra storia…

 

Bedero Valcuvia - dicembre 2017

 

...e forse è andata così...

...mi sono lasciato prendere la mano: in soli sei mesi ne ho pubblicato un altro!

 

ROSSO SANGUE

 

Giusto in tempo per una lettura da  spiaggia!

 

Bedero Valcuvia - giugno 2018

Lascia un COMMENTO qui

Lascia un MESSAGGIO qui