Camillo Bignotti
Camillo Bignotti

SPAZIO AI LETTORI

Benvenuti a tutti!

Forse questo può essere l'inizio di una bellissima amicizia: tutto è possibile. Se volete, in fondo alla pagina, avete a disposizione lo spazio per poter dire tutto quello che desiderate!

Se preferite invece scrivermi "in privato" qui troverete tutti i CONTATTI.

Ecco alcuni commenti:

Un percorso tra storia e leggenda, natura, arte e bellezza: qui ci accompagna Camillo Bignotti. Conosciamo persone del passato contadino confrontati con la povertà e la fatica del vivere di quei tempi, ma sempre valide nel nostro presente per le loro mancanze, le loro gentilezze, i loro rancori ma anche la loro bontà e delicatezza nelle piccole cose quotidiane.
La sua scrittura è piacevole e coinvolgente, capace di descrivere paesaggi come se fossimo lì e persone come se le conoscessimo da sempre, come fossero nostri vicini o amici al punto che alla fine del racconto ci dispiace lasciarli dopo aver condiviso con loro parte della loro e della nostra vita.
Da leggere e da desiderare ancora altro da leggere.

 

Giuseppe B., FB, domenica 2 giugno 2019 ore 19:47

Ieri mi ha chiamata un'amica facendo i complimenti: ho letto l'eroico romanzo di Bedero... l'ha trovato attualissimo e corredato da tantissime informazioni per lei molto interessanti...

Rosso sangue però va per la maggiore...

tutti entusiasti...

io l'ho letto due volte...

Non mi è mai capitato con nessun altro libro...ne leggo almeno una cinquantina all'anno!!! I libri sono la mia pikù grande passione...

 

Marirosa B, FB, "L'eroico romanzo" e "Rosso sangue",  sabato 20 aprile 2019 ore 13:35

Consiglio a tutti di comprare il libro, è molto bello da leggere

 

Victoria M., FB, "Il canto del ghiaccio", mercoledì 17 aprile 2019 ore 21:27

Oggi sono finalmente riuscita a terminare il tuo ultimo??? libro Rosso sangue... piacevolissimo da leggere ma pieno di emozioni per me che ho passato la mia infanzia all'ombra della Badia Benedettina e della sorgente di San Gemolo...

quanta acqua ho bevuto e fatta bere ai miei fratellini...

convintissima del suo potere taumaturgico...

sei stato bravissimno nel raccontare una storia che mi ha tenuta con il fiato in sospeso fino alla fine...

 

Marirosa B., FB, "Rosso sangue", sabato 24 novembre 2018 ore 16:41

Salve!

Mi permetto di scriverle per complimentarmi per il libro Rosso sangue che ho appena finito di leggere. Sono originario di Ponte Tresa, varesotto purosangue, amante della mia terra.

Mi è sempre piaciuta la storia locale in genere e in particolare quella della mia valle e del varosotto in generale. Mi incuriosiva il libro su San Gemolo e devo dire curiosità molto ben ripagata.

Ora aspetto il libro su Bedero che ho ordinato!

Complimenti davvero, contendo che un giovane sia appassionato dellenostre terre e dei nostri luoghi belli ticchi di tanto bene.

 

d.G.B., Messenger, "Rosso sangue", lunedì 20 agosto 2018 ore 22:47

Ieri pomeriggio ho letto il romanzo Il canto del ghiaccio...

scritto bene, scorrevole, storicamente documentato, di piacevole lettura...

finale un po' triste ma non si può avere tutto dalla vita...

complimenti

 

P.B., WApp, "Il canto del ghiaccio", venerdì 17 agosto 2018 ore 15:13

Terzo romanzo di Millo, si vede un'ulteriore evoluzione e perfezionamento dello stile che lo caratterizza.

Romanzo di veloce ma piacevolissima lettura, in cui i personaggi prendono vita in modo semplice ma incisivo.

L'intreccio delle loro storie è elaborato e tiene viva costantemente l'attenzione del lettore.

L'unico problema è che è troppo corto e a fine romanzo il lettore vorrebbe continuare a perdersi nei vicoli di Bedero, tra le storie di quei personaggi che ha imparato ad amare e di cui vorrebbe sapere sempre di più.

Forza Millo che serve il quarto romanzo!!!!

 

Eleonora S., FB, "Rosso sangue", giovedì 2 agosto 2018 ore 14:24

Caro Camillo... libro letteralmente DIVORATO!

Letto tutto d'un fiato... sei davvero bravissimo.

Lettura assolutamente piacevole, scrivi con una proprietà di linguaggion e una scorrevolezza davvero notevoli.

Complimenti!

 

Alessandra P., WApp, "Rosso sangue", giovedì 2 agosto 2018 ore 12:29

Ciao Millo, ho letto il tuo libro tutto d'un fiato ieri sera perchè non riuscivo a smettere di leggerlo!

Mi è piaciuto tantissimo!

Ti faccio veramente i miei complimenti!

Mi ha divertito, incuriosito ed emozionato!

Bravo, hai veramente talento.

Ci tenevo a dirtelo perchè erano anni che non leggevo un libro con la voglia di finirlo!

 

Francesca C., WApp, "Rosso sangue", venerdì 27 luglio 2018 ore 11:23

Ho dato copia del libro Bedero a tutti i miei amici e parenti. E' piaciuto moltissimo.

 

Oscare P., Messenger, "L'eroico romanzo di Bedero Valcuvia", mercoledì 13 giugno 2018 ore 09:09

Ho letto con tranquillità, perchè "Bedero, il balcone della Valcuvia" deve essere letto, secondo me così.

Mi è sembrato di viaggiare dal momemnto della nascita del paese fino a tutt'oggi. Naturalmente non è un libro leggero, però avendo letto gli altri due, ci sono ricordi che ritornano.

Purtroppo non ho ancora potuto usarlo come guida a causa del maltempo.

Allora al prossimo libro!!!.

 

Jole P., FB, "Bedero, il balcone della Valcuvia", martedì 29 maggio 2018

Una storia molto piacevole che unisce luoghi e secoli lontani tra loro con una grande cura dei dettagli e del passato

 

Andrea C., Amazon, "Il canto del ghiaccio", venerdì 9 marzo 2018

CI ho messo un po' perchè ho perso l'abitudine di leggere, ma devo dire che ora mi sta tornando...

Mi è piaciuto!

 

Andrea C., WApp, "Il canto del ghiaccio", mercoledì 7 marzo 2018 ore 23:06

Buongiorno... libro finito!

Complimenti... ora aspetto il prossimo!

 

Veronica B., WApp, "Il canto del ghiaccio", mercoledì 7 marzo 2018 ore 06:57

...sono arrivata quasi alla fine. Questo andare avanti e indietro nel tempo, e le suggestive descrizioni dei panorami, sono veramente attraenti.

Complimenti.

Mi sa che acquisterò anche "l eroico romanzo di Bedero Valcuvia".

 

Jole P., FB, "Il canto del ghiaccio", giovedì 1 marzo 2018 ore 20:05

Bravissimo Camillo !!! Il Canto del ghiaccio mi è piaciuto davvero tanto...mi ha anche emozionato tanto...mi hai ricordato tante cose della mia infanzia...la chiesetta di Campobella.. spesso arrivavo li con i miei fratellini.. avevamo amici che abitavano li di fianco al lavatoio.. mi pare si chiamavano Vivarelli.. abitava li anche la ragazza che ci curava quando abitavano al ristorante Sport (Adriana???)... poi i gamberi pescati nel Margorabbia che vendevamo al ristorante Sempione... a seconda della grossezza ce li pagavano... mandavo sempre i miei fratelli xché mi vergognavo… cmq me li mangiavo crudi quasi tutti.. erano buonissimi.... poi le foto di Ganna e della stazione.. bloccata dalla neve e senza campo in Piancavallo  per le vacanze mi sono proprio gustata il tuo intrigante libro!!! Mi auguro di leggerne altri presto... un abbraccio grande.

 

Marirosa B. WApp, “Il canto del ghiaccio”, domenica 7 gennaio 2018 ore 20:16,

Ti ringrazio tanto per il bellissimo romanzo che hai scritto, è veramente bello.

 

Victoria M., Messenger, “Il canto del ghiaccio”, domenica 7 gennaio 2018 ore 18:18

Bellissimo il tuo libro… direi meglio del primo… complimentissimi!!!!!!

Grande Millo… aspetto il prossimo!

 

Armida P., WApp, “Il canto del ghiaccio”, giovedì 4 gennaio 2018 ore 21:04

…è bellissimo il tuo libro, lo sto rileggendo una seconda volta perché mi piace tanto.

 

Victoria M., FB, “Il canto del ghiaccio”, giovedì 28 dicembre 2017 ore 22:02

Molto bello.

Complimenti.

A tratti mi sembrava di leggere il Vitali.

 

Riccardo B., WApp, “Il canto del ghiaccio”, domenica 17 dicembre 2017 ore 13:18

Gran bel romanzo, come del resto il primo che aveva scritto.

Questo si legge più facilmente. E si è lasciato andare anche a qualche parolaccia…

Stesso stile fluido del primo.

Secondo me la cosa più bella in assoluto è l’ultimo capitolo. Ha una potenza evocativa bellissima.

Mi ha commosso e io sono una dalla pellaccia dura.

Bravo veramente.

Adesso deve scrivere il terzo!! Vogliamo la trilogia.

 

Eleonora S., WApp, “Il canto del ghiaccio”, domenica 17 dicembre 2017

Caro Millo,

avrei tanto voluto essere lì per la presentazione, ma non mi è possibile. Ti auguro un grande successo. La tua opera è estremamente interessante e utile in particolare per quanti vogliano fare memoria storica su un passato non lontano e ritrovare le proprie radici ma, in generale, è un grande contributo per la storia del nostro Paese, che merita di essere conosciuta e affidata ai posteri xchè sia maestra di vita. Nel pubblico che ti ascolta e applaude ci sono anch’io… ti seguirò con la preghiera e ti abbraccio forte.

 

Marirosa B., sms, “L’eroico romanzo di Bedero Valcuvia”, venerdì 10 marzo 2017

Carissimo Millo,

Ieri , sono stata tutto il giorno a letto, piena di dolori e un po’ di influenza e così sono riuscita a leggere il tuo romanzo. L’ ho proprio divorato!!!

Don Rocco, il protagonista è un “eroe” un po’ sfortunato ma è la prova che,  a volte, il corso della storia può essere influenzato non solo dalle forti personalità ma anche dalle persone comuni.

Romanzo, comunque, ancora attualissimo. Anche qui a Torre, dove abito, abbiamo avuto recentemente un caso molto simile. Il Parroco si chiama Don Dionisio e, guarda caso, la chiesa è dedicata a S. Ilario (e Taziano!!) come quella di Bedero. Anche Don Dionisio negli anni è stato osteggiato da diverse fazioni che gli hanno impedito di fare delle opere nell’interesse della comunità e ora ottuagenario si è ritirato con grande dispiacere non avendo potuto realizzarle.

Hai scritto una grande opera: devi avere fatto un lavoro immenso nel documentarti.

Sei stato bravissimo nel ricostruire le tradizioni, i costumi , le atmosfere , i personaggi e la vita in generale della tua Bedero, facendola rivivere al lettore.

Come ben sai, sono cresciuta a Ganna e nel tuo libro ho ritrovato tanti luoghi cari della mia infanzia. Per esempio la piccola stazione di Ganna dove abbiamo abitato per qualche anno.

Anche le foto hanno completato magnificamente il tuo romanzo.

Mi piace, in particolare quella di Ganna e Bedero visti dal Poncione. Lì ho ripercorso con i miei fratellini e la mia sorellina  la strada che dalla stazione di Ganna, costeggiando il Margorabbia e la Badia si inerpica poi sul Mondonico. Sacco in spalla con i panini, arrivavamo sulla cima del Mondonico… ricordo i prati pieni di narcisi, che raccoglievamo per la nonna che ci aspettava a casa. Scendevamo poi a valle a Bedero e dalla provinciale tornavamo a Ganna. Fortunatamente non dovevamo più attraversare le paludi….c’era ormai la strada asfaltata.

Spesso si univano anche i nostri amici : Robertino Orelli, Luigino Mazzola, Luigino del Mulino, ecc.

Raccoglievamo anche  i funghi (nella Martica di solito), arrivati a Ganna ci fermavamo dal Menghin che ne faceva la cernita… purtroppo, spesso  ce li buttava via tutti…

Nei personaggi del tuo libro ho ritrovato anche  la mia amata e bravissima maestra delle elementari: la signorina Ida Comolli. Grazie a lei ho avuto delle basi scolastiche  molto molto solide. Insegnanti così al giorno d’oggi credo sia quasi impossibile trovarle.

Termino facendoti ancora i complimenti per il tuo romanzo e spero di leggerne uno nuovo presto….

Ti abbraccio

 

Marirosa B., email, “L’eroico romanzo di Bedero Valcuvia”, domenica 29 gennaio 2017 ore 12:02

Ciao, ho finito il tuo libro!

Bello, veramente, bravo!

 

Francesca R., sms, “L’eroico romanzo di Bedero Valcuvia”, mercoledì 17 gennaio 2017 ore 17:30

Commenti

Inserisci il codice
* Campi obbligatori
Non sono ancora stati effettuati inserimenti.

Lascia un COMMENTO qui

Lascia un MESSAGGIO qui